"Quando gli uomini condividono il pane condividono la loro amicizia...."

giovedì 13 aprile 2017

Pan di ramerino del giovedì Santo




Siamo nuovamente alla vigilia del giovedì santo e come consuetudine eccomi a preparare i panin di ramerino tradizionali....è stata la prima ricetta postata nel lontano 2011, esattamente il 22 aprile, allora usavo ancora la farina 00 per i miei dolci, adesso non più....la nuova ricetta non è cambiata di molto, ho usato solo un po' più di olio e molto meno lievito di birra per rendere morbidi anche il giorno successivo i panini, ovviamente nel tentativo che durino....al giorno dopo....

Per la biga

100 g di semola rimacinata
60 g di acqua
4 g di lievito di birra

La biga si impasta la sera precedente e si lascia lievitare tutta la notte, io l' ho messa  nel forno chiuso.


per l'impasto

4 g di lievito
400 g di semola rimacinata
50 g di zucchero
200 g di acqua
90 g di olio
150 g di uvetta
sale q.b.
la biga
rosmarino a piacere
vinsanto 2 cucchiai
uovo per la doratura
acqua e zucchero in parti uguali per lo sciroppo







Mettiamo l'uvetta in ammollo nel vinsanto per un'oretta.Tritiamo il rosmarino e facciamolo appena soffriggere in una padella insieme all'olio d'oliva. Mentre l'olio aromatizzato al rosmarino diventa tiepido, impastiamo nella planetaria la biga con il lievito sciolto in metà acqua, la farina e lo zucchero, lavoriamo bene per alcuni minuti, aggiungiamo il sale sciolto nell'acqua restante.Continuiamo a lavorare con il gancio, facendo incordare l'impasto, adesso aggiungiamo l'olio ed il rosmarino, impastiamo per una decina di minuti a bassa velocità, mantenendo sempre l'incordatura ed infine aggiungiamo l'uvetta strizzata.
Lasciamo riposare il tutto per almeno un quarto d'ora al tiepido. Suddividiamo l'impasto in panini, pirliamoli e posizioniamoli in una teglia, ben distanti l'uno dall'altro in modo che crescano bene durante la lievitazione, incidiamo una croce su ognuno e lasciamo riposare fino al raddoppio.
Lucidiamo con tuorlo sbattuto insieme ad un po' d'acqua, inforniamo a 180° per 20 minuti circa, dovranno diventare gonfi e dorati.
Prepariamo lo sciroppo con lo zucchero e l'acqua e spennelliamoli non appena li toglieremo dal forno, ancora caldi sono a dir poco irresistibili....





Nessun commento:

Posta un commento

Elenco blog personale